Home La Parrocchia Insieme L'Oratorio
News
Contatti
Photogallery
Link consigliati
 
INFORMAZIONI
 
 
 
 
 
 
 
 
   
   
     
 
 
   
 
 
 
 
     
I SACRAMENTI
  INIZIAZIONE CRISTIANA  
   
   
     
   
   
 
 
 
 
     
     
  C A R I T A S  
     
  TEMPI LITURGICI
 
  Quaresima  
  Mese di Maggio  
   
  SERVIZIO ALLA FAMIGLIA
 
 
     
  DECANATO E DIOCESI  
   
  Il Vicario di zona
       
ATTIVITA' E INIZIATIVE
 
   
 
 
     
  STELLE DEL TEMPO
  Chiara Luce  
  Padre Bossi  
   
       
STORIA E ARTE
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 
     
 
     
  EVENTI
 
     
  DON MICHELE MAURI  
 
   
     
  RUBRICHE  
  Senza Confini  
  Pensieri  
     
Unzione dei malati
 

Fino a quando, Signore?

E' buio dentro di me,
ma presso di te c'è luce.
Sono solo, ma tu non mi abbandoni.
Sono impaurito, ma presso di te c'è aiuto.
Sono inquieto, ma presso di te c'è pace.
In me c'è amarezza,
ma presso di te c'è pazienza.
Io non comprendo le tue vie,
ma tu conosci la mia via.

(Dietrich Bonhoeffer, Natale 1943)

M.Chagall, Giobbe  

Il mistero del dolore richiede sobrietà di considerazioni e pensieri.
La tenerezza della chiesa fin dalle sue origini ha visto il terreno infido della sofferenza e della perdita della salute.

Nel cuore essa avverte ancora il grido di Gesù sulla croce: “Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato” seguito dalla consegna nelle mani del Padre.

Stare vicino a chi è nel tempo della prova: questo è il senso di un segno semplice come l’unzione dei malati.

Nella lettera di Giacomo è scritto:

"Chi è malato, chiami a sé i presbiteri della Chiesa e preghino su di lui, dopo averlo unto con l’olio, nel nome del Signore. E la preghiera fatta con fede salverà il malato: il Signore lo rialzerà e, se ha commesso peccati, gli saranno perdonati. Confessate perciò i vostri peccati gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri per essere guariti"(Gc 5,14-16).

Il rito dell’ unzione dei malati riprende la sobrietà di questa invocazione: chi è malato (infermo, debole..) chiami a se i presbiteri della chiesa.

E’ il sacramento che ci rende vicino il “compagno del nostro soffrire”, l’ “uomo dei dolori che ben conosce il patire” non disperando dal ricevere da Gesù il dono della salute.
“Partiti, predicavano che la gente si convertisse, ungevano di olio molti infermi e questi guarivano” (Mc 6,12)
Dunque non un sacramento in extremis, di fine vita: chi sta morendo,lo si accompagna con il viatico, l’ultima comunione.

L’Unzione è un segno per la fede e la salute in tempo di grave malattia, prima di affrontare una operazione chirurgica, in situazione di degenerazione progressiva della malattia, nella vecchiaia.
La malattia ci mette alla prova duramente: chiediamo la vicinanza del Medico celeste.

“Chi è malato, chiami”. 

Anche il sacerdote diventa compagno del proprio soffrire e si unisce allo stesso gemito: ”Fino a quando, Signore?”